Tubi di scarico a casa mia di nuovo intasati

30.3. 2019Markéta Vaculíková318x

Abitiamo in un condominio di circa 25 appartamenti. E’ un condominio molto ordinato e di recente costruzione. Tutte le zone comuni, sia esterne che interne, sono in perfetto stato e mantenute pulite. Da un po’ di tempo, però, succede una cosa strana …

Ogni circa 4 mesi si intasano i tubi di scarico della sezione centrale del edificio e nella zona dei garage sotterranei devono essere aperte e liberate le tubazioni per non far salire l’acqua di scarico negli appartamenti di piano terra.

Proprio come oggi. Scendo giù dalle scale per prendere la mia macchina ma ancora prima di aprire la porta del corridoi del garage sento un forte rumore dell’acqua che scorre. 

I tubi di scarico in certi punti escono dal soffitto corrono lungo il soffitto per poi rientrare nella parete. Ed è lì davanti al portone del mio garage che il tappo del tubo è stato tolto e ora piove giù tutto il contenuto dello scarico. 

“Noo, un’altra volta.” Non ci posso credere. Faccio un giro della pozzanghera non invitante, apro in fretta il portone ed esco con la macchina. Non ci rientro più prima che il problema si risolvesse. Per fortuna stavolta ci mettono poco tempo. Il camion dello spurgo arriva subito il giorno dopo e pulisce tutte le tubazioni.

Si parla di un problema tecnico di costruzione ma il contributo hanno avuto senza altro anche i condomini della sezione interessata. 

Il WC non è un bidone della spazzatura e buttare oggetti e liquidi pericolosi tramite i tubi di scarico è la stessa cosa come  buttare i rifiuti in giro per le strade, boschi, campi e spiagge. Impariamo a fare la raccolta differenziata anche nel nostro bagno.

Perché non usare il WC o lavandino come bidone della spazzatura?

Non solo per non intasare i tubi di scarico di casa propria o della rete fognaria ma sopratutto per non rischiare che gli oggetti o materiali pericolosi trapassino l’impianto di depurazione delle acque reflue e tramite i fiumi arrivino fino ai nostri laghi, mari ed oceani.

Più piccolo l’oggetto, più probabilità che non sarà bloccato dal sistema di depurazione dell’impianto e in conseguenza rientrerà nella circolazione naturale delle acque superficiali.

Non buttare mai nei WC/lavandini:

  • Olio, scarti di olio di frittura e grassi animali, cotture grasse
  • Medicinali, blister di medicinali
  • Tamponi ed assorbenti e i loro imballaggi 
  • Fazzoletti di carta e carta da cucina
  • Salviette umidificanti, salviette struccanti e pannolini
  • Lenti a contatto
  • Cotton fioc 
  • Filo interdentale, spazzolini interdentali
  • Mozziconi di sigarette 
  • Cerotti, bendaggi e materiali medici
  • Avanzi di vernici, lacche, solventi 
  • Materiali da costruzioni, sabbia 
  • Oli essenziali puri

Per semplificare la questione, posizioniamo un cestino di spazzatura accanto al nostro WC e sotto il nostro lavandino ed impariamo a non buttare nello scarico nient’altro che i propri bisogni e la carta igienica.

Markéta Vaculíková
"Sono una mamma e un'amante della natura. Direttamente da casa mia, attraverso le mie scelte quotidiane e gli acquisti consapevoli proteggo e difendo il nostro fragile ambiente." La mia storia potete leggere qui >>