Perché scrivo questo blog?

Benvenuti sul mio BLOG! Un blog di una casa che ho chiamato CA’ Markéta. Una casa dove vive la mia famiglia alla quale cerco di trasmettere il mio senso per il risparmio e rispetto della natura. Insieme cerchiamo a fare passi sempre più avanti per una vita senza prodotti ed imballaggi usa e getta

Sono le 8:30 e io e mio figlio Oliver usciamo di casa per andare all’asilo, dobbiamo fare circa 10 km in macchina. Entriamo sulla strada che attraversa un boschetto. Vediamo l’operaio del comune con il furgoncino che sta raccogliendo un pezzo di un giornale gettato sul prato. Ci si vede spesso e tiene bene in ordine tutto il paese.

Procediamo e usciamo dai confini del nostro comune. La situazione cambia, sui bordi della strada si vedono dei sacchetti di plastica sparsi di qua e di là, le lattine e bottiglie di vetro vuote, fazzoletti di carta e volantini colorati nel fosso. Più ci avviciniamo alla città, più spazzatura vediamo. 

A casa mia siamo molto attenti a quello che consumiamo e a quello che buttiamo. Parliamo spesso dei problemi causati dai rifiuti. Oliver capisce molto bene la differenza tra la plastica, la carta e l’umido.  Sa dove va buttato ogni singolo rifiuto e se non si è sicuro, me lo chiede. In giro se succede di creare qualche rifiuto, ce lo portiamo a casa e lo buttiamo nel bidone giusto. Non lasciamo mai niente in giro e lui si sente già molto responsabile.

Ma se lo sono i bambini perché non lo possono essere anche gli adulti? Gli adulti che crescono nuove generazioni e gli danno l’esempio.

Oliver è solo un bambino ma osserva molto bene l’ambiente circostante ed è sempre lui a vedere per primo qualsiasi cambiamento.

Sul bordo della strada nelle vicinanze all’entrata di un parco boschivo  (zona Aeroporto Malpensa) ci sono 3 grandi sacchi pieni dell’immondizia, ieri non c’erano ancora. Li nota subito e dice: “Io quando sarò grande, mi compro un camion della spazzatura e ripulisco tutto il mondo!”

Le sue parole mi commuovono tantissimo. Quel giorno mi sono data una promessa. Quello che mi ha detto, lo faccio sapere a più persone possibili, scriverò un blog!

I rifiuti di ogni genere ovunque

Ripulire il mondo dai rifiuti già esistenti e sparsi ovunque è importantissimo e ammiro tutte le persone che si danno da fare tutti i giorni.

E’ molto importante essere ordinati, separare e differenziare tutti i nostri rifiuti prodotti, anche io poco fa facevo così, ma ormai non basta più. Produciamo troppi rifiuti che non riusciamo più a farli smaltire o riciclare in modo giusto e naturale.

Bisogna fermare la spazzatura direttamente al suo origine, bisogna chiudere il rubinetto della spazzatura nelle nostre case e cercare di minimizzare al massimo la produzione di ogni tipo di rifiuto.

Se riuscissimo a non creare altri rifiuti, non li avremmo in giro per le città, nelle campagne, nei nostri fiumi e mari. Non servirebbero altre discariche ed inceneritori nuovi.

Diamo una svolta allo stile di vita “usa e getta”. Le esperienze delle persone che ci sono riuscite ci possono dare una gran motivazione per metterci in gioco e per fare il primo grande passo.

Ogni piccola azione conta, ogni piccolo cambiamento ha una grande importanza.

Non c’è più tempo da perdere! Con questo blog voglio motivare me stessa a non mollare e a continuare quello che ho già iniziato e con i miei lettori voglio condividere tutte le mie conoscenze, i miei successi e la mia energia della vita quotidiana.

Perché quello che mi importa davvero è non lasciare le generazioni future senza futuro.

Come sarà il nostro futuro? Riusciamo a superare l’era di plastica e di prodotti usa e getta?

Markéta Vaculíková
"Sono una mamma e un'amante della natura. Direttamente da casa mia, attraverso le mie scelte quotidiane e gli acquisti consapevoli proteggo e difendo il nostro fragile ambiente." La mia storia potete leggere qui >>